The Unbecoming of Mara Dyer

The Unbecoming of Mara Dyer  - Michelle Hodkin Some Spoilers ahead.

Una lettura davvero piacevole, piena di misteri e suspense. Vi sono una serie di indizi che ci permettono di capire gli eventi, prima ancora che la stessa protagonista riesca a capirli. Le prime pagine già ci danno un quadro generale molto dettagliato, gli omicidi, sappiamo da chi sono commessi, e sappiamo chi li commetterà prima ancora che si manifestino, ma comunque tutto questo non ci lascia certamente delusi. I fattori psicologici dovuti allo stress e, diciamolo, a questo potere assurdo di far avverare le cose con la sola forza del pensiero, scatenano una serie di azioni a catena sconvolgenti. Ci troviamo sconvolti insieme a Mara, incuriositi di capire, arrabbiati nel non poter scindere il vero dal fittizio. Tutto viene visto attraverso gli occhi di Mara, e anche se noi conosciamo già le risposte, le nostre certezze vacillano quasi dinanzi alla sua confusione mentale. E poi vi è Noah... sin dalla prima battuta mi ha particolarmente conquistata,ed avevo intuito qualcosa sulla sua figura, beh ho iniziato a pensare ad una serie di figure religiose "buone", avvicinandomi solo alle intenzioni ed i poteri. Beh, che dire la loro è una storia d'amore dolcissima, lui è dolcissimo, entrambi convinti di essere pazzi, in realtà, scoprono di avere un "dono", che viene scoperto solo verso la fine del libro. Quindi ripeto, straordinario i fattori psicologici descritti da quest'autrice. Il loro legame e le loro emozioni ci coinvolgono lentamente e dolcemente, il bacio/non bacio ci lascia col fiato sospeso. E poi che dire del finale, quello non me lo aspettavo di certo. Pensavo che fosse un fantasma o altro... e forse lo è, ma pensavo che la perseguitasse semplicemente, non che fosse presente, reale, vivo. Molto bello. Voto complessivo 3.5 - 4 STELLE.